Un legame tra passato e presente, esplorando le radici militari dell’arte della logistica fino all’applicazione civile durante l’era di Giulio Cesare nella Roma antica. Un viaggio che porta fino all’integrazione digitale e alla gestione efficiente della catena di approvvigionamento della logistica moderna.

La logistica oggi continua ad adattarsi alle esigenze di un mondo in continua evoluzione, dimostrando ogni volta la sua importanza nella gestione delle industrie e non solo. I concetti di base, però, sono ormai solidificati da più di 2.000 anni, basti pensare all’etimologia: il termine “logistica” deriva dal greco “logikós” (λογικός), che significa “che ha senso logico“, a sua volta derivato da “lógos” (λόγος), “parola/discorso” o “ordine”; per i greci, infatti, i due concetti erano strettamente collegati ed espressi con la stessa parola. La logistica nasce in ambito prettamente militare e solo durante il periodo di governo di Roma di Giulio Cesare ha applicazione anche in ambito civile. Ripercorriamo questo percorso fino ad oggi, dove la logistica moderna abbraccia l’integrazione digitale e la gestione della supply chain.

Origine della logistica: il sistema di gestione dell’Antica Roma

Durante l’Antica Roma, la logistica si sviluppò come una componente vitale per il funzionamento dello Stato. Fu sotto il governo di Giulio Cesare, nel periodo compreso tra il 49 e il 44 a.C., che si riconobbe per la prima volta l’importanza di un sistema logistico efficiente per la gestione dei trasporti e della fornitura di beni. Il dittatore romano, comprese l’importanza strategica di tale sistema e istituì una rete di magazzini e porti strategicamente posizionati su tutto il territorio. Fu in questo periodo che emerse la figura del logista, l’antenato del moderno magazziniere o addetto alla logistica.

L’applicazione militare della logistica

Nell’antichità, la logistica era un concetto prevalentemente legato all’ambito militare, e fu proprio da questa prospettiva che Cesare, oltre ad essere un abile politico, trasse ispirazione per organizzare lo Stato. Mentre comandava le legioni romane per conquistare la Gallia (l’odierna Francia) e durante la guerra civile per il potere a Roma, Cesare probabilmente riconobbe l’importanza della logistica per sostenere le sue imprese. La logistica, infatti, veniva considerata una componente essenziale dell’arte militare, occupandosi di tutte le attività volte a fornire agli eserciti ciò di cui avevano bisogno per vivere, spostarsi e combattere in condizioni ottimali di efficienza, come cibo, acqua, armi, medicinali e mezzi di trasporto. L’influenza della logistica militare su Cesare ha avuto un impatto significativo anche sull’organizzazione statale romana.

Dalla logistica militare alla logistica di oggi

Nel corso della storia, un esempio dell’importanza fondamentale della logistica nelle battaglie si può trovare nella grande espansione del Regno di Macedonia sotto il comando di Alessandro Magno. Nel 334 a.C., Alessandro attraversò il Mar Egeo per avviare la conquista dell’Impero Persiano, ma nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile senza un solido apparato logistico a supporto dell’immensa armata che lo seguiva. Fino alla Seconda Guerra Mondiale, la logistica rimase principalmente associata alle operazioni militari, in particolare a causa delle dimensioni globali del conflitto, che richiesero sforzi logistici senza precedenti. L’emblema è lo sbarco in Normandia del 6 giugno 1944, in cui 156.000 soldati delle forze alleate furono portati sulla costa francese. Questo evento storico illustra l’enorme sforzo logistico richiesto per supportare una campagna militare di tale portata.

Il ruolo della Prima Rivoluzione Industriale

Per comprendere appieno la storia della logistica, è importante fare un breve passo indietro e menzionare la Prima Rivoluzione Industriale, che si estese dal 1760 al 1840. Durante questo periodo, furono introdotte due innovazioni fondamentali: la catena di montaggio e il concetto di produzione in serie. Questi eventi rappresentano i pilastri dell’evoluzione della logistica verso la concezione che conosciamo oggi. Tuttavia, fu solo nel secondo Dopoguerra che la logistica si estese al di là del suo significato puramente militare per includere anche il settore economico e l’industria. Da quel momento in poi, è possibile parlare effettivamente di una logistica che si amplia e si applica in diversi ambiti.

L’espansione della logistica nel mondo della distribuzione

Negli anni ’50 e ’60, il concetto di logistica si spostò dal contesto militare a quello della distribuzione delle merci. Tuttavia, inizialmente si limitava principalmente alla gestione della distribuzione dei prodotti finiti, concentrandosi principalmente sul trasporto e l’immagazzinamento. Questo tipo di logistica era noto come logistica di distribuzione, o logistica distributiva. Negli anni ’70, tuttavia, si registrarono i primi timidi segnali di evoluzione verso una gestione più strutturata delle attività logistiche. Le aziende iniziarono a cercare miglioramenti nella distribuzione fisica dei prodotti, dal magazzino di produzione al cliente finale, attraverso interventi mirati di razionalizzazione volti all’ottimizzazione dei diversi segmenti del ciclo distributivo. Questi sviluppi rappresentano un passo avanti verso una logistica più integrata e organizzata.

Verso l’integrazione e l’efficienza

A partire dagli anni ’80, l’introduzione diffusa di nuove logiche e approcci gestionali, come il Material Requirements Planning (MRP) e il Just in Time (JIT), ha portato ad un rapido spostamento dell’attenzione verso la gestione dei materiali. In questo contesto, è emerso il concetto di “logistica dei materiali” o “gestione dei materiali”, che si riferisce a tutte le attività mirate ad assicurare l’acquisizione, la movimentazione e la gestione corrette dei materiali, al fine di garantire un rifornimento costante e tempestivo alla produzione e ad altre entità utilizzatrici. Successivamente, si è verificato un cambiamento radicale che ha trasformato la logistica da un insieme di attività operative in un sistema interfunzionale che mira a raggiungere livelli prestazionali più elevati. È emerso il concetto di “logistica integrata“, definito in modo preciso dal Council of Logistics Management nel 1986, che rappresenta il processo di pianificazione, attuazione e controllo del flusso di materie prime, semilavorati, prodotti finiti e informazioni correlate, dal luogo di origine al luogo di consumo, al fine di renderlo il più efficiente possibile e in linea con le esigenze dei clienti. Questo sviluppo ha posto l’accento sull’integrazione e sull’efficienza come elementi chiave della logistica moderna.

Dalla scienza della gestione fisica alla trasformazione digitale

Oggi, la logistica si è trasformata in una vera e propria scienza che si occupa della gestione, produzione e trasporto delle merci. I principali obiettivi sono la riduzione dei costi di produzione, l’ottimizzazione dei tempi di consegna e il miglioramento della qualità del servizio. Con l’avanzamento della logistica, si è evoluto anche l’approccio alla gestione della supply chain al fine di soddisfare le nuove esigenze dei clienti. L’introduzione di tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale, l’internet delle cose, la robotica e altri strumenti avanzati ha svolto un ruolo cruciale in questa trasformazione. L’uomo è stato in grado di sfruttare appieno il potenziale che la tecnologia ha portato a un concetto precedentemente dominato dall’aspetto “fisico”, come la gestione delle merci, trasformandosi gradualmente in una disciplina sempre più digitale. La logistica si è adattata ai tempi, incorporando strumenti digitali e metodologie innovative per affrontare le sfide dell’era moderna.

Leggi anche:

Logistica e trasporti: come attrarre e trattenere i migliori talenti