Al Piacenza Expo ha generato grande curiosità lo stand di Intralog che ha presentato della soluzioni firmate da MiMA Forklift: in occasione delle Giornate Italiane del Sollevamento è stata infatti ufficializzata la partnership con il produttore cinese. Intervista al presidente di Intralog Marco Ungari.

Il mondo dell’intralogistica in Italia sta vivendo un momento di trasformazione e crescita, grazie a nuove partnership strategiche che stanno ridefinendo il panorama del settore. Intralog, il network di aziende specializzate nell’intralogistica, continua ad offrire soluzioni sempre più diversificate ai suoi clienti e recentemente ha annunciato l’accordo di importazione esclusiva con MiMA Forklift, costruttore cinese di carrelli elevatori. Intralog sta dimostrando di essere un attore chiave nell’evoluzione dell’intralogistica in Italia, attraverso collaborazioni con aziende leader nel settore di appartenenza è in grado di offrire soluzioni logistiche complete.

La nuova collaborazione è stata ufficializzata in occasione del GIS – Giornate Italiane del Sollevamento – a Piacenza Expo, ed è solo l’ultimo passo della straordinaria crescita del network. Ospite il sales manager di MiMa Forklift Roger Qiu che è rimasto stupito in senso positivo della grande affluenza e dalla curiosità suscitata dal nuovo marchio approdato nel mercato italiano. Per saperne di più e conoscere le prospettive future di Intralog, abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Marco Ungari, presidente di Intralog, che ha condiviso con noi i dettagli di questa partnership e le ambiziose prospettive dell’azienda che guarda con ottimismo alle sfide e alle opportunità del futuro.

È la vostra prima partecipazione come espositori al GIS, perché questa scelta?

Abbiamo siglato un importante accordo con il costruttore cinese MiMA Forklift, di cui siamo gli importatori esclusivi in Italia, e la cornice del GIS ci è sembrata la giusta occasione per comunicare e rendere ufficiale la partnership.

Che cos’ha MiMA Forklift in più? Perché è nata questa partnership?

MiMA Forklift produce una gamma di carrelli elevatori multidirezionali per la movimentazione interna. Questo ci permette di completare la nostra attuale offerta di soluzioni e arricchire ulteriormente la nostra già vasta gamma. Ho visitato personalmente il sito produttivo di MiMA Forklift a Hefei in Cina e ho notato una buona organizzazione della produzione che porta a realizzare un prodotto di qualità medio alta. Non vale più lo stereotipo sul prodotto di origine cinese.

Avete portato novità particolari nel vostro stand al GIS?

Abbiamo portato un’idea di che cosa offre MiMA Forklift, tra cui un articolato, il multidirezionale da 35 quintali e il 30 quintali a quattro vie. Avrebbero voluto maggiore spazio e in 60 metri quadrati era difficile ottenere un risultato migliore di questo.

La risposta del GIS è stata più che positiva, si sono visti molti visitatori interessati al vostro stand.

Sì, c’è stato molto interesse sia dei clienti finali sia dagli operatori del settore. Tutti incuriositi da un brand che sbarca per la prima volta in Italia. Sono rimasto stupito da quanti partner di Intralog, proveniente da ogni angolo del nostro Paese, sono venuti a trovarci, questo significa che c’è veramente tanto interesse attorno alle soluzioni firmate MiMA Forklift. L’obiettivo è di dare a tutti i nostri partner e agli associati un’opportunità in più per andare ad accontentare le esigenze di movimentazione dei loro clienti.

Il 2023 sta per finire, si può già fare un bilancio di questa annata? E quali le prospettive future?

“L’anno per Intralog si chiude bene, nonostante il quadro macroeconomico, siamo in linea con il 2022 come fatturato ma soprattutto è stato un 2023 ricco di nuove partnership. Abbiamo stipulato recentemente un accordo con JMG Cranes, costruttore italiano di gru elettriche anch’esso presente qui al GIS; e solo qualche mese fa con Pramac Industry per quanto riguarda gli AGV entry level per tutti quei clienti che hanno necessità di un trasporto da punto a punto senza dover rivedere i flussi logistici; e ora questa partnership con MiMa Forklift. Con una gamma completa di prodotti, possiamo andare a stipulare nuovi accordi e raggiungere le province d’Italia che non sono coperte.

Una gamma completa di prodotti per Intralogistica, che cosa dal punto di vista del service?

La prima cosa che faremo al termine del GIS sarà organizzare training per i nostri tecnici sulle macchine MiMa Forklift in modo da garantire l’assistenza post-vendita che i nostri clienti si aspettano. Abbiamo poi previsto l’acquisto di uno stock di ricambi da tenere in Italia per intervenire tempestivamente e in maniera risolutiva in caso di necessità. Noi di Intralog crediamo nella centralità del servizio post-vendita da sempre e anche nel caso di soluzioni di importazione, come questa, possiamo garantire tutti i servizi necessari per garantire la continuità operativa ai nostri clienti, in qualsiasi parte d’Italia si trovino.