cyber security approcci integrati per attacchi ibridi

Nell’era digitale in cui le aziende operano in ambienti ibridi e multi-cloud, la sicurezza informatica è diventata una sfida sempre più complessa. Armati di tecniche sofisticate e sfruttando le falle delle aziende, gli hacker si muovono agilmente attraverso confini virtuali, per compromettere dati sensibili e creare interruzioni alle operazioni aziendali.

Affrontare questa minaccia richiede un cambio di paradigma nell’approccio alla sicurezza informatica.
L’attuale modello di rilevamento e risposta agli attacchi, infatti, mostra segni di inefficacia. Secondo uno studio recente, oltre il 71% degli analisti tutto il mondo non ammetterebbe che la propria organizzazione potrebbe essere compromessa senza che il team di sicurezza ne sia venuto a conoscenza.
Ma causa non risiede nell’incompetenza degli analisti, bensì nell’evoluzione delle superfici di attacco, che superano la normale capacità delle difese tradizionali di adattarsi.

Attacchi ibridi: serve un approccio integrato

Tutte le aziende, indipendentemente dal settore, sono ormai ibride, il chè, implica una maggiore complessità per gli analisti di sicurezza, che devono fronteggiare una vasta superficie di attacco e nuovi metodi utilizzati dai criminali informatici per eludere le difese. Inoltre, la transizione verso l’infrastruttura cloud ibrida sta accelerando, offrendo agli attaccanti opportunità sempre più ampie.

Per questa ragione, tutti gli attacchi informatici contemporanei dovrebbero essere considerati ibridi. Possono prendere vita da qualsiasi fonte e spostarsi ovunque, in qualsiasi momento, interrompendo le operazioni aziendali su vasta scala.
Gli attacchi ibridi sono caratterizzati da una capacità di mimetizzarsi ed eludere i tradizionali metodi di rilevamento.

Come affrontare gli attacchi hacker?

Affrontare efficacemente gli attacchi ibridi richiede un approccio integrato alla sicurezza informatica. Questo approccio, secondo gli esperti di Vectra, si basa su tre pilastri fondamentali:

  1. Difendersi dall’esposizione sconosciuta: identificare i punti vulnerabili dell’ambiente cloud ibrido per anticipare i rischi
  2. Eliminare le compromissioni sconosciute: rilevare quando gli aggressori si infiltrano nell’ambiente aziendale e eliminare la complessità che favorisce il loro avanzamento
  3. Rilevare e risolvere rapidamente gli attacchi ibridi sconosciuti: monitorare e interrompere efficacemente il movimento laterale degli aggressori.

é quindi chiaro che per affrontare con successo le sfide della sicurezza informatica nel panorama aziendale ibrido, è fondamentale adottare approcci integrati che consentano di anticipare, rilevare e rispondere prontamente agli attacchi ibridi.

Solo attraverso la chiarezza del segnale e una strategia complessiva di sicurezza informatica, le aziende possono proteggere i propri dati e garantire la continuità operativa in un mondo sempre più interconnesso e minaccioso.