Jungheinrich Drohnenaufnahme_Solarcarport
L'ambizioso piano del fornitore di intralogistica di Amburgo è in linea con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi e contribuisce a limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius

Un altro significativo passo avanti nella lotta contro il cambiamento climatico: l’iniziativa “Science Based Targets” (SBTi) ha confermato l’obiettivo di Jungheinrich di azzerare le proprie emissioni di gas serra lungo l’intera catena del valore entro il 2050.

L’adesione di Jungheinrich all’iniziativa SBTi (nel 2021) testimonia ancora una volta la sua dedizione alla causa ambientale. L’azienda di Amburgo è stata una delle poche partecipanti a livello mondiale il cui obiettivo di zero emissioni è stato confermato.
Finora, infatti, l’iniziativa ha convalidato gli obiettivi zero emissioni di meno del dieci per cento di tutti i partecipanti.

Azioni concrete per un futuro sostenibile

Il fornitore di soluzioni intralogistiche ha già adottato negli anni diverse misure per raggiungere il suo obiettivo, tra cui:

  • Approvvigionamento energetico globale da fonti rinnovabili: le sedi Jungheinrich in 28 paesi ottengono già la loro elettricità da fonti rinnovabili
  • Abbandono graduale dei combustibili fossili e completa elettrificazione della flotta di carrelli
  • Sviluppo di prodotti sostenibili: i carrelli elevatori Jungheinrich con batterie agli ioni di litio consumano già circa il 20% in meno di energia rispetto alle alternative al piombo-acido
  • Coinvolgimento dei partner commerciali: Jungheinrich ha coinvolto oltre 700 fornitori (il 75% del suo volume d’acquisto) su questioni relative alla protezione ambientale.

Affrontare la crisi climatica è un compito rilevante e l’approccio di Jungheinrich alla lotta contro il cambiamento climatico rappresenta un esempio virtuoso per l’intera industria.
La sua dedizione alla sostenibilità e l’impegno a raggiungere obiettivi ambiziosi dimostrano che è possibile conciliare successo economico e responsabilità ambientale.