Intelligenza Artificiale, robotica, cloud computing sono state al centro della 22^ edizione della fiera che si conferma come un appuntamento irrinunciabile per tutti gli operatori del settore manifatturiero, un'occasione unica per scoprire le ultime tendenze tecnologiche e confrontarsi con le sfide del futuro. Appuntamento al 2025, dal 5 al 7 marzo.

Clicca qui per iscriverti al canale Whatsapp di TCE Magazine

Il settore manifatturiero conferma il suo impegno a crescere, ad abbracciare l’innovazione e le nuove sfide sostenibili, come evidenziato durante i tre giorni di MECSPE, la principale fiera italiana dedicata all’industria. Organizzata da Senaf, la manifestazione ha raggiunto la sua 22ª edizione e si è svolta dal 6 all’8 marzo a Bologna. Con la partecipazione di 2068 aziende provenienti da tutto il Paese e 66.906 professionisti (+12% rispetto al 2023), l’evento ha fornito un’opportunità per consolidare sinergie e condividere competenze e conoscenze. La fiera si conferma dunque un motore di supporto per lo sviluppo sia nazionale che internazionale del settore.

Transizione digitale ed energetica al centro di MECSPE 2024

L’edizione 2024 di MECSPE ha posto al centro un tema quanto più attuale e di primaria importanza per l’anno in corso: la transizione digitale ed energetica, promossa dal Piano Transizione 5.0 del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT): in questo articolo ne abbiamo già parlato con l’aggiunta dei dati forniti dall’Osservatorio MECSPE. Il piano offre molteplici opportunità alle aziende del comparto, le quali, attraverso i nuovi incentivi, hanno l’occasione di innovarsi con nuove tecnologie e diventare ancora più sostenibili. Questo è stato proprio uno dei temi fondamentali dell’evento inaugurale della Fiera che, alla presenza di Valentino Valentini, Viceministro al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Vincenzo Colla, Assessore allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali Regione Emilia-Romagna, Massimo Bugani, Assessore all’Agenda Digitale del Comune di Bologna, Antonio Bruzzone, CEO di BolognaFiere, e Ivo Nardella, Presidente Senaf – Gruppo Tecniche Nuove, ha messo in evidenza il ruolo del PNRR e degli incentivi per lo sviluppo del settore.

L’Osservatorio MECSPE presentato durante l’evento inaugurale ha evidenziato, infatti, l’importanza degli incentivi 4.0 utilizzati dal 50% delle imprese per la loro digitalizzazione e per lo sviluppo dell’innovazione. Questi hanno permesso agli imprenditori di effettuare degli investimenti che, altrimenti, non avrebbero potuto realizzare. L’Osservatorio ha infatti confermato che il 63% degli imprenditori non avrebbe investito -o lo avrebbe fatto in misura minore- senza gli incentivi. La crescita deve quindi continuare grazie alle nuove misure 5.0 che affiancano alla transizione digitale quella energetica, per una trasformazione del comparto in una direzione sempre più sostenibile. Oltre che in occasione dell’evento inaugurale, questa tematica è stata affrontata anche all’interno del contesto MECSPE LAB – Spazio Innovazione, che si è posto come promotore di una innovazione tecnologica fondata sulla crescente consapevolezza sociale e ambientale, che tenga conto, in particolare, dell’efficienza energetica e di alternative compatibili, in perfetta coerenza con gli obiettivi della Transizione 5.0.

Il tema della transizione è stato affrontato anche in chiave più internazionale grazie al Forum Italo-Tedesco: 2035 e la filiera Automotive, giunto alla sua seconda edizione. L’evento di quest’anno si è concentrato sulle modalità di riadattamento della filiera automotive per rispondere a una trasformazione tecnologica che tenga conto delle nuove sfide energetiche che sta affrontando il settore. Seconda edizione anche per l’Aluminium Energy Summit, organizzato da Metef, la fiera internazionale per la filiera dell’alluminio, che ha fatto il punto sui contributi concreti e le soluzioni tecnologiche che l’industria dell’alluminio può attivare per raggiungere gli obiettivi di economia circolare e decarbonizzazione.

MECSPE fa emergere talenti per il manifatturiero

Un altro tema prioritario e trasversale a tutta la fiera è stato quello della formazione; MECSPE ogni anno si impegna ad avvicinare i giovani talenti al mondo dell’industria offrendo loro una piattaforma per confrontarsi con aziende e istituzioni. In particolare, la seconda giornata di Start Up Factory, dedicata proprio al futuro della formazione, ha avuto l’onore di ospitare il Professor Patrizio Bianchi, ex ministro dell’Istruzione della Repubblica Italiana e professore Ordinario di Economia Applicata presso l’Università di Ferrara, che nel suo intervento ha ricordato l’importanza di innovare le modalità di formazione al passo con i bisogni della società, insegnando anche valori orientati non solo al singolo ma alla collettività.

Nuovamente dunque, innovazione, sostenibilità e formazione, con lo sviluppo delle competenze dei nuovi talenti, hanno rappresentato i tre focus della fiera, tracciando nuove direttive per la creazione dell’industria del futuro. L’appuntamento per tornare su queste tematiche è di nuovo a BolognaFiere con la prossima edizione di MECSPE, alla sua 23ª edizione, dal 5 al 7 marzo 2025.

Il commento finale degli organizzatori

Il successo della 22ª edizione di MECSPE sottolinea il fervore e la determinazione dell’industria manifatturiera italiana nel perseguire l’innovazione e abbracciare nuove sfide – ha affermato Ivo Nardella, Presidente di Senaf e del Gruppo Tecniche NuoveQuesta edizione, che segue più di 20 anni di successi, ha visto la partecipazione di più di 66.000 visitatori, 18 iniziative speciali, 72 convegni, riconfermando il ruolo di MECSPE come punto di riferimento del settore e come volano dell’industria. La fiera permette infatti l’unione di sinergie e la trasmissione della potenza del settore, delle nuove idee, della formazione e dell’informazione mirate a trasformare l’innovazione in concretezza, in un’ottica di evoluzione verso nuovi orizzonti di crescita e sviluppo.