scaffalature porta pallet

I magazzini sono luoghi sempre più articolati e complessi, tra le loro mura si gioca la partita dell’efficienza e della sicurezza di intere catene logistiche.
All’interno di questa complessità la scaffalatura, uno degli elementi cardine del magazzino, sta mantenendo la sua caratteristica semplicità di montaggio, riconfigurazione e ricollocazione. L’aspetto semplice della scaffalatura, potrebbe indurre a sottovalutare i rischi connessi al suo impiego e a ignorare i criteri per una corretta scelta, uso e manutenzione, in relazione alle caratteristiche degli oggetti da stoccare.

Questa leggerezza potrebbe essere molto pericolosa. Crolli e cedimenti delle scaffalature possono infatti causare danni e incidenti molto gravi.

Di recente l’Inail, in collaborazione con Anima, ha pubblicato la Guida alle scaffalature porta pallet (ne abbiamo parlato qui).

La valutazione dei rischi nelle scaffalature

La Guida dedica diverse pagine alla valutazione dei rischi, descrive il processo di analisi, chiarisce i concetti di pericolo, rischio e valutazione del rischio.
La valutazione del rischio deve coprire tutte le attività in cui è probabile l’esposizione del lavoratore a pericoli. Vengono elencati i diversi rischi associati alle operazioni legate alle scaffalature, come montaggio, movimentazione delle unità di carico, deposito, ispezione, manutenzione e transito pedonale vicino alle scaffalature. Ogni rischio viene analizzato in dettaglio, considerando le cause e le possibili conseguenze. Viene sottolineata l’importanza di adottare misure preventive adeguate per mitigare tali rischi e garantire un ambiente di lavoro sicuro.

Vediamo di seguito alcuni dei passaggi più significativi.

I rischi connessi alle scaffalature possono essere suddivisi in:

  • Rischi durante il montaggio, smontaggio, riconfigurazione delle scaffalature
  • Rischi durante la movimentazione delle unità di carico
  • Rischi durante il deposito (carico), prelievo (scarico) delle unità di carico
  • Rischi nella fase di stoccaggio delle unità di carico
  • Rischi durante le attività di ispezione, manutenzione, riparazione delle scaffalature
  • Rischi durante il transito pedonale e le attività lavorative in prossimità della scaffalatura

La Guida non tratta i rischi legati tipologia degli oggetti immagazzinati e alle caratteristiche del sito (per esempio rischio incendio).

Rischi durante il montaggio, smontaggio, riconfigurazione delle scaffalature

I pericoli correlati a questa fase sono:

Caduta dall’alto dei lavoratori
Ribaltamento/collasso della scaffalatura o porzioni di essa
Caduta dall’alto di oggetti (componenti della scaffalatura, utensili di lavoro)

Rischi durante la movimentazione delle unità di carico

I pericoli correlati a questa fase sono:

Urto contro la scaffalatura
Caduta delle unità di carico a bordo delle attrezzature meccaniche di movimentazione
Uso scorretto ragionevolmente prevedibile delle attrezzature di movimentazione
Investimento di persone e cose

Rischi durante il carico/scarico merci

I pericoli correlati a questa fase sono:

Caduta dall’alto delle unità di carico
Urto contro la scaffalatura, dell’attrezzatura per la movimentazione delle unità di carico e/o delle unità di carico trasportate

Rischi nella fase di stoccaggio delle unità di carico

I pericoli correlati a questa fase sono:

Collasso parziale o totale della scaffalatura, di deformazione permanente dei componenti durante lo stoccaggio delle unità di carico
Ribaltamento della scaffalatura e di cedimenti differenziali alla base durante lo stoccaggio delle unità di carico

Rischi durante le attività di ispezione, manutenzione, riparazione delle scaffalature

I pericoli correlati a questa fase devono essere indicati nel manuale di istruzioni della scaffalatura visto che, in questa fase, la scaffalatura potrebbe essere danneggiata e quindi non stabile. Ciò potrebbe comportare il ribaltamento/collasso della scaffalatura o porzioni di essa e/o la caduta dall’alto di oggetti, ad esempio, unità di carico e componenti.

Rischi durante il transito pedonale e le attività lavorative in prossimità della scaffalatura

Il rischio prevalente da considerare durante il transito pedonale e le attività lavorative in prossimità della scaffalatura è quello di investimento della persona, dovuto a caduta di oggetti dall’alto e all’errata conduzione dell’attrezzatura meccanica di movimentazione.

Come evitare questi rischi

È bene evidenziare che, ogni volta che viene urtata una scaffalatura, si va incontro ad ulteriori rischi quali:

  • ribaltamento, collasso parziale o globale della scaffalatura
  • caduta dall’alto di oggetti, unità di carico stoccate e/o unità di carico sul l’attrezzatura meccanica di movimentazione e/o componenti della scaffalatura quali ad esempio correnti
  • deformazione permanente dei componenti della scaffalatura

In fase di progettazione della scaffalatura bisogna considerare i carichi che dovrà sostenere e le modalità di stoccaggio. Un eccessivo sovraccarico, anche solo in una porzione di scaffalatura, ancoraggi inadeguati (inclusa la pavimentazione) o scarsa manutenzione, possono compromettere la solidità della struttura.

Per evitare questi rischi è fondamentale:

  • rispettare le procedure di montaggio della scaffalatura
  • utilizzare le eventuali attrezzature di montaggio in modo idoneo
  • utilizzare i dispositivi di protezione necessari, anche contro le cadute dall’alto

Inoltre, quando si opera nei pressi di una scaffalatura con carrelli elevatori e macchinari, è importante fare una corretta valutazione degli spazi di manovra.

Continua ad approfondire:

Scaffalature industriali: sicurezza ed efficienza con le ispezioni EMAF

Scaffalature industriali: soluzioni standard o customizzate?