Nel regno delle batterie agli ioni di litio, la Cina regna sovrana. Con due terzi della produzione globale e il 60% del mercato in mano, il gigante asiatico detta legge, affiancato dai colossi giapponesi e coreani. Un triumvirato che controlla i destini di un settore strategico per la transizione energetica e la mobilità elettrica.

Il Vecchio Continente, in questa partita globale, si trova purtroppo in svantaggio. Per decenni, l’approvvigionamento di materie prime critiche è stato sacrificato sull’altare del risparmio sui costi, creando una dipendenza dall’estero che oggi si rivela una pesante zavorra.

La sfida del riciclo: un’occasione per l’Europa?

Con la domanda di litio destinata a quadruplicarsi (laddove non a decuplicarsi) nel prossimo futuro, la dipendenza dalle potenze asiatiche rischia di diventare un ostacolo insormontabile. L’Europa è chiamata a una rapida inversione di rotta, e la chiave di volta potrebbe essere il riciclo, delle batterie in primis.

Le batterie al litio possono essere riciclate, consentendo il recupero di oltre l’80% dei materiali preziosi contenuti al loro interno. E oggi, nuove tecnologie all’avanguardia spingono questa percentuale addirittura al 95%, aprendo la strada a un’economia circolare virtuosa.

È altrettanto vero però che per rendere il riciclo una realtà efficiente, l’Europa necessita di infrastrutture adeguate: punti di raccolta, centri di riciclaggio e filiere complete. Un investimento imponente, che richiede la collaborazione di governi, produttori, imprese e parti sociali.

Economia circolare: un imperativo etico ed economico

Il riciclo non è solo un imperativo etico per la salvaguardia del pianeta, ma anche una necessità economica improrogabile. La scarsità delle risorse energetiche e la necessità di consegnare un mondo vivibile alle future generazioni impongono un cambio di paradigma.

Il settore del cleaning, con la sua attenzione crescente alla sostenibilità ambientale, potrebbe giocare un ruolo importante in questa transizione. La cultura del pulito sposa perfettamente l’esigenza di riutilizzare e riciclare, aprendo nuove opportunità per un futuro più verde e resiliente.

L’Europa potrebbe avere le carte in regola per ribaltare la situazione. Sfruttando al meglio la sfida del riciclo, il Vecchio Continente ha davanti a se una sfida significativa: conquistare l’indipendenza dalle potenze asiatiche e diventare un leader globale nella gestione sostenibile delle batterie al litio.

Un futuro che si costruisce oggi, con coraggio e lungimiranza.