Visualizzazione e simulazione per la pianificazione degli scenari possono aggiungere valore alla pianificazione del magazzino. Come? Grazie agli strumenti sviluppati da Yale Lift Truck Technologies per le attività di intralogistica.

Quello dei magazzini è un ambito in continua evoluzione e le aziende che operano in settori come la vendita al dettaglio, l’e-commerce, i servizi 3PL, l’industria alimentare e delle bevande, oggi si trovano non solamente a scegliere una flotta idonea per le loro attuali necessità, ma devono anche considerare il modo in cui le attrezzature potrebbero adattarsi alle esigenze del futuro.

La lungimiranza sulla flessibilità delle soluzioni che si adottano è una discriminante molto importante nella definizione di un magazzino. Ecco perché Yale (anche attraverso la sua rete globale di concessionari locali indipendenti) ha scelto di offrire soluzioni di simulazione basate sui dati e su dati di visualizzazione aggiornati.

Adattare il magazzino di oggi alle esigenze di domani

Yale Warehouse Simulator è un software personalizzato che consente di progettare diverse opzioni di layout del magazzino in base alle situazioni reali, utilizzando complessi calcoli matematici per fornire statistiche sulle prestazioni e sull’efficienza della flotta, in base a vari scenari.

La crescita all’interno di un’azienda è un cambiamento positivo, ma una delle sue conseguenze è che può portare ad operazioni di movimentazione dei materiali inefficienti e mal concepite” spiega Ron Farr, Direttore Warehouse Sales – EMEA per Yale Lift Truck Technologies.
Come può un’azienda sapere cosa cambiare per diventare più produttiva nelle operazioni di magazzino, se l’economia subisce cambiamenti? Come può scoprire in che modo questo fattore economico potrebbe avere un impatto su altre parti dell’azienda? Per questo, può essere utile esaminare in dettaglio la disposizione per capire a che altezza occorre arrivare, dove collocare le scaffalature, quale configurazione dei carrelli è corretta e se c’è bisogno, per esempio, di un carrello VNA o di un carrello retrattile”. 

Yale Warehouse Simulator consente di sperimentare layout, configurazioni delle attrezzature e tempistiche diverse, in 2D e 3D, con l’analisi dei dati.
Questo può supportare la pianificazione degli scenari per aiutare le aziende ad essere il più possibile preparate a cambiamenti del magazzino non noti. 

Yale Warehouse Simulator: come funziona?

Attraverso il sistema, viene creato un modello di simulazione basato sul mondo reale, che include dettagli (come i diversi carrelli che potrebbero essere utilizzati per eseguire determinate attività, gli intervalli di manutenzione, le attività nelle varie parti del magazzino, il numero di pallet, le possibili aree di congestione nelle corsie di stoccaggio, o il numero di carrelli utilizzati per ottimizzare il flusso e la produttività).
Grazie al modello, Yale e i suoi concessionari possono quindi consigliare il mix ottimale di attrezzature Yale per soddisfare le esigenze del magazzino.

Il problema delle tecniche che prevedono l’impiego del foglio di calcolo e di alcuni software di simulazione è che non sono flessibili e spesso non eseguono calcoli basati sull’interazione tra le apparecchiature, come il traffico” prosegue Ron Farr.
L’aspetto positivo di Yale Warehouse Simulator è che ci consente di esplorare diverse opzioni e di aiutare le aziende ad affrontare il futuro con fiducia”. 

Nel settore dell’intralogistica nulla è statico e questo influenza il modo in cui si organizza e dispone il magazzino.
Queste soluzioni di Yale aiutano le aziende a pianificare meglio il presente e il futuro, esplorando diversi scenari. È solo uno dei modi in cui Yale e i nostri concessionari possono essere presenti per assistere da vicino le aziende man mano che i magazzini evolvono“. 

Per maggiori informazioni, visita il sito: www.yale.com/en-gb/europe/