Come i principi dei videogiochi multiplayer possono trasformare la gestione del cambiamento e l'ottimizzazione della catena di approvvigionamento nell'era digitale.

Clicca qui per iscriverti al canale Whatsapp di TCE Magazine

Nel contesto frenetico e imprevedibile della catena di approvvigionamento, i leader si trovano ad affrontare sfide senza precedenti. Le catene di approvvigionamento stanno attraversando una rapida trasformazione digitale, dovendo però continuare a funzionare senza interruzioni durante questo processo. Clienti e legislatori pongono requisiti più rigorosi, chiedendo una maggiore visibilità su tutta la filiera, incluse le pratiche ambientali e lavorative. La completa trasparenza e la visibilità sono diventate requisiti fondamentali per la fedeltà e la soddisfazione dei clienti. Per avere successo in questo contesto complesso, i leader della catena di approvvigionamento devono creare team performanti e integrati orizzontalmente. In questo senso, i videogiochi multigiocatore possono offrire spunti preziosi per navigare l’era digitale e gestire il cambiamento in modo efficace.

La gestione del cambiamento nell’era digitale

Le forze interne ed esterne stanno accelerando la necessità di un cambiamento efficace nella gestione della supply chain. Da un lato, le aziende stanno implementando nuove tecnologie, abbracciando il lavoro ibrido e gestendo team multigenerazionali. Le funzioni della supply chain si stanno evolvendo da ruoli di back-office a quelli rivolti al cliente, richiedendo nuove collaborazioni interne. Dall’altro lato, le situazioni geopolitiche mutevoli, le preoccupazioni per la sostenibilità e le crescenti richieste dei clienti stanno spingendo le aziende a ripensare le loro catene di approvvigionamento. La deglobalizzazione, il protezionismo e la necessità di collaborazioni esterne con partner selezionati stanno diventando la nuova normalità. In questo contesto complesso, la gestione efficace del cambiamento è diventata più critica che mai. Tuttavia, la maggior parte delle iniziative di cambiamento fallisce, con un tasso di fallimento stimato intorno al 70%.

Il gaming in soccorso delle trasformazioni della supply chain

Circa due anni e mezzo fa, l’istituto Digital Supply Chain Institute (DSCI) ha iniziato a rivedere le strategie di gestione del cambiamento nell’epoca digitale, ispirandosi ai team di e-sport di alto livello. L’approccio collaborativo e la velocità nel risolvere problemi per conseguire mete precise hanno offerto spunti significativi, sollevando l’interrogativo se i videogiochi possano trascendere il mero divertimento, influenzando profondamente la gestione del cambiamento, soprattutto considerando l’ingresso nel mondo del lavoro di persone cresciute tra videogiochi e dispositivi mobili. I videogiochi multiplayer presentano numerose analogie con la trasformazione digitale delle catene di approvvigionamento, entrambi ambiti che necessitano di flessibilitàapprendimento costante e l’abilità di riconoscere e sfruttare rapidamente le competenze collettive. Il successo in questi settori si basa su obiettivi definitiadattabilitàcollaborazione e comunicazione efficace.

Elementi chiave per team di successo nell’era digitale

team di videogiochi ad alte prestazioni condividono quattro elementi fondamentali che sono trasferibili alla formazione di team di progetto eccellenti nell’era digitale, che operano attraverso etàculture e geografie diverse.

  1. Comunicazione rapida: analogamente ai giocatori che necessitano di comunicare con celerità e precisione, anche le aziende richiedono scambi tempestivi e rilevanti. Una comunicazione efficace sul lavoro va oltre la rapidità di risposta; essa implica completezza e pertinenza. Una risposta incompleta a una domanda critica può rallentare il progresso quanto una risposta ritardata. È essenziale che i membri del team siano sincronizzati nell’usare il canale di comunicazione appropriato per ogni tipo di messaggio.
  2. Costruzione della fiducia: l’instaurazione rapida della fiducia all’interno del team è cruciale. Ogni individuo deve valutare con onestà i propri punti di forza e debolezza. Nel contesto dei videogiochi, è necessario determinare in fretta chi eccelle come costruttorenavigatore o tiratore.
  3. Gestione e filtraggio dei dati: nei videogiochi, i partecipanti devono filtrare velocemente grandi volumi di dati per prendere decisioni informate, sapendo quali informazioni osservare in ogni contesto. In modo simile, nelle organizzazioni, i lavoratori sono sommersi da dati e la capacità di selezionare le informazioni pertinenti è vitale per un processo decisionale efficace. Questo presupposto richiede una fiducia intrinseca nella precisione dei dati.
  4. Leadership dinamica: una leadership dinamica si manifesta quando si mettono in pratica le prime tre lezioni, abbandonando le gerarchie rigide a favore di una leadership situazionale, dove il membro più adatto per un determinato compito assume il comando in quel momento. Tale struttura di leadership flessibile permette al team di selezionare il percorso più adeguato verso l’obiettivo, in base alle circostanze del momento.

Lezioni da videogiochi per l’ottimizzazione della catena di approvvigionamento

Le quattro lezioni estratte dai videogiochi possono essere impiegate per affrontare sfide comuni nella catena di approvvigionamento, come il taglio del lead-time dalla previsione alla consegna al cliente da 135 a 100 giorni. Il processo coinvolge vari passaggi che richiedono la collaborazione di diverse funzioni interne e aziende esterne. Vediamo un esempio tipico.

  • Passo 1, previsione e pianificazione: i dati di previsione forniti dal marketing sono stati consegnati tardi e incompleti, portando a un incremento delle previsioni dopo l’emissione degli ordini di materiale e produzione.
  • Passo 2, fornitori di materiali: A seguito di una previsione inadeguata, il lead-time per i materiali è stato di 25 giorni, ben oltre i 10 giorni pianificati.
  • Passo 3, produzione in fabbrica: I ritardi nei materiali e le limitazioni di capacità hanno influenzato il programma di produzione. Nonostante la pressione per lavorare straordinari al fine di ridurre il lead-time, la fabbrica non ha rispettato le date di spedizione desiderate, risultando in un lead-time di 45 giorni anziché i 30 giorni previsti.
  • Passo 4, transito: I ritardi produttivi hanno causato la necessità di riprogrammare le spedizioni, causando ulteriori ritardi nei porti di partenza e arrivo. L’arrivo posticipato negli Stati Uniti ha comportato ritardi aggiuntivi nel transito ferroviario.
  • Passo 5, centro di distribuzione: Gli sforzi per recuperare i ritardi precedenti hanno richiesto straordinari, aumentando i costi. Il lead-time è stato di 15 giorni invece dei 5 giorni previsti.
  • Passo 6, spedizione ai clienti: I clienti hanno ricevuto gli ordini in 135 giorni, non nei 100 giorni promessi.

Per superare questa tipica problematica della catena di approvvigionamento, è possibile applicare le quattro lezioni per formare un team ad alte prestazioni. La leadership senior dovrebbe istituire un team unico interfunzionale e integrato orizzontalmente con partecipanti interni ed esterni, fornendo loro un obiettivo chiaro e incentivi condivisi. Una comunicazione rapida tra tutte le parti allinea il team sull’obiettivo e chiarisce il ruolo di ciascun membro. La fiducia si costruisce mentre i membri comunicano e si uniscono come un team, anziché rimanere individui che si addossano reciprocamente la colpa. La visibilità sui dati in ogni fase permette a tutti di anticipare e adattarsi a eventuali ritardi. Con un obiettivo ben definito, il team può concentrarsi sui dati critici e fidarsi della loro accuratezza. Infine, una leadership dinamica emerge naturalmente poiché ogni membro guida nella propria area di competenza.

La trasformazione digitale implica cambiamenti organizzativi e operativi significativi. I leader della catena di approvvigionamento devono prepararsi per un futuro ancor più digitalizzato. I videogiochi multiplayer offrono intuizioni e insegnamenti preziosi per sviluppare team ad alte prestazioni pronti a navigare in questo futuro.

Leggi anche:

Affrontare la trasformazione digitale: una prospettiva sul futuro del lavoro