La flotta di macchinari, per un noleggiatore, è l’asset principale. Prendersene cura è quindi di fondamentale importanza, sia per offrire ai clienti il miglior servizio possibile, sia per preservare il proprio capitale.

Uno dei principali motivi che spinge le persone a ricorrere al noleggio è proprio avere la certezza di disporre di macchinari sicuri e controllati. Preservare la flotta è quindi un investimento che fa bene sotto diversi punti di vista: cura del capitale, fidelizzazione del cliente e sicurezza.

Ci sono delle strategie per ottimizzare i costi della flotta e renderla più longeva?

Non esistono scorciatoie e segreti particolari, però ci sono sicuramente delle best practice che consentono di mantenere la flotta efficiente e sicura nel tempo: abbiamo raccolto le principali in questa guida, con l’aiuto di Assodimi.

1. Ispezioni regolari e manutenzione

Per prima cosa è fondamentale sapere che, per quanto riguarda la manutenzione delle macchine, il noleggiatore ha degli obblighi stabiliti dalla legge, tra cui co sono le verifiche periodiche per tutte le macchine per il sollevamento (piattaforme aeree e sollevatori telescopici).

È obbligatorio inoltre tenere un registro delle manutenzioni, ed è buona prassi che il noleggiatore lo metta a disposizione del cliente per poterlo visionare.

Sviluppare un piano di manutenzione preventiva, che definisca la frequenza e il tipo di manutenzione da eseguire su ogni macchina, è il modo migliore per non dimenticare di fare controlli e interventi che, oltre a mantenere in salute la macchina, sono anche obbligatori.

Creare una routine, avere una procedura codificata, è il modo migliore per fare agevolmente i controlli, pianificando le attività, per non ritrovarsi con urgenze da gestire all’ultimo momento e manutenzioni pericolosamente mancate.

Utilizzare un software per gestire le manutenzioni è un validissimo aiuto per tenere traccia delle ispezioni, delle riparazioni e della scadenza delle garanzie.

Ispezionare regolarmente le macchine serve ad individuare e risolvere tempestivamente eventuali problemi prima che diventino gravi.

Ad ogni rientro da un noleggio ad esempio, ogni macchinario deve essere attentamente ispezionato:

  • Carrozzeria
  • Impianto idraulico
  • Luci e fanali
  • Segnali acustici

È importante effettuare regolarmente la manutenzione ordinaria come la sostituzione dell’olio, dei filtri e dei lubrificanti e conservare registri accurati di tutte le attività di manutenzione.

Riguardo a questo aspetto ci sono noleggiatori che considerano prioritario dotarsi di magazzini ricambi completi, per intervenire in modo tempestivo nelle riparazioni, senza procrastinare la sostituzione di parti o componenti usurati o danneggiati, che compromettere la sicurezza e l’efficienza del macchinario.

In molti considerano d’aiuto mantenere un inventario adeguato di pezzi di ricambio per ridurre al minimo i tempi di inattività dei macchinari dovuti alla sostituzione delle parti.

2. Sicurezza

Altro aspetto importante è assicurarsi che ogni macchina della flotta sia sempre in regola con tutto ciò che riguarda la sicurezza:

  • Garantire che tutte le macchine siano conformi alle normative di sicurezza vigenti
  • Fornire ai clienti formazione e indicazioni adeguate sull’uso sicuro delle macchine, a pratiche di guida/utilizzo eco per ridurre emissioni e consumi
  • Dotare le macchine di dispositivi di sicurezza adeguati
  • Effettuare regolarmente controlli di sicurezza sulle macchine

Essere in regola sotto tutti questi aspetti significa avere macchine performanti e non dover affrontare intoppi legati a inefficienze o ad aspetti burocratici da correggere.

3. Tecnologia per monitorare le macchine

Oggi, grazie all’innovazione tecnologica, è possibile monitorare anche a distanza l’efficienza di tantissime tipologie di macchine.
I veicoli elettrici hanno dei BMS che permettono di fare addirittura manutenzioni preventive a distanza, risolvendo i problemi prima che si verifichino; la telemetria consente di monitorare la posizione e l’utilizzo delle macchine…

Un noleggiatore che desidera preservare la sua flotta trova grande aiuto nella tecnologia, per tanti scopi:

  • Sistemi di manutenzione predittiva
  • Controllo dell’efficienza
  • Geolocalizzazione
  • Impostazioni di modalità di utilizzo a risparmio energetico
  • Blocchi di sicurezza

Utilizzare sistemi di monitoraggio avanzati aiuta a tenere traccia delle prestazioni dei macchinari, inclusi dati come consumo di carburante, le ore di funzionamento e l’usura delle parti.
Analizzare regolarmente i dati, aiuta a identificare tendenze e anomalie che potrebbero indicare la necessità di interventi correttivi o di sostituzione di parti.

Da considerare l’idea di creare una flotta sempre più efficienti dal punto di vista del consumo di carburante, prediligendo ad esempio motori a basso consumo o veicoli ibridi/elettrici.

4. Essere pronti agli inconvenienti

Anche la più attenta pianificazione potrebbe non sfuggire agli inconvenienti. Per questo è importante essere pronti alla gestione del rischio. Come fare?

  • Effettuare regolarmente la valutazioni dei rischiper identificare i potenziali pericoli associati alle macchine e alle loro attività
  • Dotarsi di un’assicurazione adeguataper proteggersi da perdite finanziarie in caso di incidenti
  • Tenere i clienti informati sui rischi associati all’utilizzo delle macchine
  • Sviluppare procedure di emergenza per gestire incidenti e malfunzionamenti

5. Soddisfazione del cliente

Ogni azione deve infine essere volta alla soddisfazione del cliente: se lui è soddisfatto sceglierà di nuovo il nostro servizio, consentendoci di continuare ad investire sulla nostra attività e mantenere alto il nostro livello.

Per soddisfare il cliente è importante:

  • Fornire macchine pulite, ben tenute e in buono stato di funzionamento
  • Rispondere prontamente a domande, richieste e problemi
  • Raccogliere feedback dai clienti per migliorare continuamente i servizi offerti

L’importanza di una gestione professionale

Come vi sarete resi conto da questa Guida, per avere una flotta sicura e longeva e ottimizzare i costi di gestione delle macchine, bisogna intervenire sull’intera gestione dell’attività di noleggio. È un risultato che si ottiene nel momento in cui tutta l’attività funziona bene e in modo efficiente.

È un risultato che si ottiene costruendo una gestione seria e professionale, con la formazione e rimanendo in ascolto del mercato, confrontandosi con i colleghi, facendo rete, restando aperti e recettivi alle innovazioni della tecnologie e alle esigenze che emergono sul mercato.

Per saperne di più rivolgiti ad Assodimi, l’Associazione di riferimento per tutti i noleggiatori italiani.