La tecnologia dei droni per la pulizia sta rivoluzionando il settore delle pulizie degli edifici. Offre una serie di vantaggi rispetto ai metodi tradizionali, tra cui maggiore velocità, sicurezza, convenienza ed efficienza. Con l'aumento dell'accesso alle attrezzature e la continua innovazione tecnologica, i droni sono destinati a diventare il metodo di pulizia degli edifici preferito in futuro.

Clicca qui per iscriverti al canale Whatsapp di TCE Magazine

Storicamente, la pulizia dell’esterno di immobili commerciali (tra i quali ci sono magazzini, uffici, negozi e strutture di servizio) e altri edifici di grandi dimensioni è stata un compito lungo e laborioso per i facility manager, con anche molti problemi di sicurezza. I metodi tradizionali di pulizia degli esterni prevedono che i lavoratori lascino il terreno, dai lavavetri appollaiati su ponteggi alle squadre di lavoro che lavano a pressione superfici resistenti a quote elevate. Alcune squadre sono passate al lavaggio delicato per preservare il materiale dell’edificio; tuttavia, questo richiede ancora di lavorare in altezza. La nuova tecnologia dei droni nebulizzatori elimina i problemi di sicurezza associati a questi metodi di pulizia, mantenendo i lavoratori a terra e garantendo comunque risultati di qualità.

Pulizia degli esterni con droni: veloce, sicuro e conveniente

I proprietari e i facility manager seguono programmi di pulizia regolari per proteggere il loro investimento e garantire che le strutture rivolte al pubblico facciano un’impressione positiva. Si consiglia di lavare le finestre almeno due volte all’anno, mentre le superfici non finestrate, come i mattoni, dovrebbero essere pulite ogni uno o due anni, a seconda del clima, del tipo e delle condizioni del materiale edilizio, dell’esposizione alla luce solare e dell’attività principale dell’edificio. Molti preferirebbero pulire l’esterno del loro edificio più frequentemente, ma trovano l’attività troppo costosa e richiede troppa manodopera. I droni per la pulizia offrono una soluzione conveniente e rapida, consentendo pulizie più frequenti con lo stesso budget. Inoltre, i droni consentono al personale addetto alle pulizie di lavorare in modo più efficiente, raggiungendo spazi prima difficilmente accessibili senza dover salire su piattaforme. La possibilità di lavorare più velocemente, in modo più sicuro e a un costo inferiore può liberare le squadre di pulizia per occuparsi di altri compiti.

Pulizia con droni e lavoro in quota

Prima di far volare il drone, è necessario adottare alcune precauzioni di sicurezza. È fondamentale delimitare l’area di lavoro per evitare il traffico incrociato e far operare i tuoi lavoratori in squadre di due. Gli operatori di droni devono essere in possesso di una licenza Part 107 rilasciata dalla Federal Aviation Administration (FAA). Sebbene l’assicurazione aeronautica non sia obbligatoria, è altamente raccomandata. Il tuo fornitore di droni può aiutarti con la conformità o fornire una soluzione chiavi in mano.

A differenza dei droni di sorveglianza a volo libero, un drone per la pulizia si collega a un sistema di pompaggio a terra, in genere nel cassone di un camion da lavoro, che trasferisce la soluzione detergente attraverso un tubo a un ugello. Sono necessari solo pochi minuti per configurare il drone, collegare il tubo e accendere il sistema. Una valvola remota sul drone consente all’operatore di avviare e interrompere l’irrorazione dal controller del drone. I droni per la pulizia possono scalare più piani in pochi secondi. Sebbene le linee guida della FAA limitino i droni di irrorazione a 110 piedi (circa 33 metri), l’attrezzatura è utilizzabile sulla maggior parte degli edifici poiché, secondo l’analisi degli edifici in Construction Physics, il 99% ha un’altezza massima di 10 piani.

Gli operatori possono utilizzare una varietà di soluzioni detergenti in un drone, per superfici che vanno dal vetro e metallo alla pietra e al mattone. Si consiglia di utilizzare, ove possibile, soluzioni ecologicamente responsabili. È importante prendere familiarità con le funzionalità del drone che offrono una sicurezza aggiuntiva. Un’impostazione di evitamento degli ostacoli garantisce che il drone sia sempre a una distanza prestabilita dall’edificio, in genere 3,5 metri, per evitare collisioni. Un sistema di posizionamento di fascia alta mantiene il drone in una posizione, livellato entro pochi centimetri, quando è inattivo. Inoltre, il drone è programmato per operare lentamente, approssimativamente alla stessa velocità con cui un lavoratore camminerebbe per pulire efficacemente l’edificio.

Pulizia con droni: noleggio e vantaggi

La tecnologia dei droni per la pulizia è relativamente nuova nel settore delle pulizie, ma i facility manager la stanno adottando rapidamente. Trovano particolarmente interessanti l’efficacia, l’efficienza e il risparmio sui costi che offre questa tecnologia.

Collaborare con una società di noleggio attrezzature fornisce un accesso affidabile e semplice ai sistemi di droni con assistenza, manutenzione e supporto nazionale. I partner di noleggio possono inoltre fornire l’accesso a una rete di piloti di droni o assistenza con le licenze, a seconda delle tue esigenze.

Il noleggio di droni è generalmente disponibile in due modalità. Puoi noleggiare il drone progetto per progetto, usufruendo di un pilota autorizzato e certificato per operarlo correttamente. Puoi anche noleggiare il drone a lungo termine e avere un operatore in organico, consentendo alla tua azienda di offrire la pulizia esterna come servizio a valore aggiunto per i clienti. Un partner di noleggio attrezzature può aiutare in entrambi i casi.

Con la diffusione della tecnologia dei droni per la pulizia e del noleggio, è sicuro affermare che sostituirà molti dei metodi tradizionali di pulizia esterna e guiderà l’evoluzione del settore. Un maggiore accesso alle attrezzature, unitamente ai vantaggi in termini di sicurezza e produttività, contribuirà a sfruttare al meglio i budget per la pulizia e a incoraggiare una pulizia esterna più frequente. Questo a sua volta aiuterà a fidelizzare clienti e inquilini, a preservare meglio gli edifici e a mantenere un’impressione positiva della struttura.

Leggi anche:

Pulizie di vetri e finestre: le 4 tendenze del futuro