La codifica e la categorizzazione corrette delle riparazioni dei carrelli elevatori sono elementi essenziali per una manutenzione efficiente e per l'ottimizzazione dei costi. Attraverso l'analisi dei dati di manutenzione è possibile identificare le aree di miglioramento, ridurre le riparazioni evitabili e aumentare la durata media dei carrelli.

La manutenzione dei carrelli elevatori, seppur eseguita al 100%, può rivelarsi inefficace se non vengono correttamente identificate le cause e le categorie di ogni intervento. Questo perché la mancanza di una codifica precisa impedisce di raccogliere dati utili per analisi future e per ottimizzare i costi di manutenzione.

Identificare le riparazioni evitabili e la manutenzione programmata

Una codifica accurata delle riparazioni da parte dei tecnici permette di ottenere informazioni preziose sui dati di manutenzione. È fondamentale distinguere tra riparazioni evitabili e interventi di manutenzione programmata ordinaria. Questa distinzione, spesso trascurata, consente di identificare le tendenze e i problemi ricorrenti, sviluppare piani di formazione per gli operatori e migliorare le soluzioni tecniche offerte, come componenti più resistenti o opzioni di configurazione dei carrelli.

Analisi dei dati per ottimizzare la gestione della flotta

Importanti fornitori di carrelli elevatori offrono servizi di analisi dei dati per la gestione della flotta. Questi servizi si basano sulla corretta codifica delle riparazioni nel software di gestione degli ordini di lavoro, sia esso un sistema interno (CMMS) o un software dedicato. L’analisi di questi dati permette di migliorare i tempi di attività dei carrelli, ridurre il costo totale di proprietà (TCO) e prevenire riparazioni non necessarie.

Identificare i comportamenti degli operatori che causano danni

L’analisi dei dati di manutenzione può rivelare comportamenti degli operatori che causano danni ai carrelli, come ad esempio pneumatici sgonfi a causa di curve o frenate aggressive e usura eccessiva di alcune parti dovuta a una forza eccessiva applicata ai comandi. In questi casi, è possibile implementare soluzioni come: corsi di formazione per gli operatori, installazione di sistemi di telemetria per monitorare il comportamento di guida e sviluppo di componenti più resistenti o opzioni di configurazione dei carrelli.

Ridurre i costi di manutenzione del 15%

Un’analisi accurata dei dati di manutenzione può portare a una riduzione del 15% dei costi di riparazione, con un potenziale ancora maggiore per alcune aziende. Questo si traduce in un risparmio significativo in termini di manodopera per gli interventi di riparazione, pezzi di ricambio e tempo di inattività dei carrelli.

Leggi anche:

Manutenzione carrelli elevatori: D.Lgs 81/2008 e responsabilità infortuni