AMR

Si chiamano AMR (Autonomous Mobile Robots) e, nei magazzini, ci sono già arrivati: stanno infatti rivoluzionando il modo in cui vengono movimentate merci e materiali.
Allora tanto vale conoscerne le caratteristiche e le potenzialità.

Gli AMR sono robot autonomi, dotati di intelligenza artificiale e tecnologie avanzate che svolgono una vasta gamma di compiti, ottimizzando la logistica e la produttività.

Sono in grado di muoversi nell’ambiente, interagire con lo spazio, le cose e le persone, portare a termine compiti.

La rivoluzione dell’intralogistica, una soluzione per i magazzini del futuro

Come funziona un AMR

Un AMR si orienta mappando lo spazio tramite sistemi di localizzazione, pianifica il percorso, interagisce, collabora e spesso si occupa anche della sua ricarica.

Mappatura e localizzazione

Gli Autonomous Mobile Robots iniziano il loro lavoro con una mappa digitale dettagliata del magazzino, creata tramite laser, telecamere o tecnologie di mappatura simultanea e localizzazione (SLAM). Questa mappa memorizza la disposizione dei corridoi, degli ostacoli, delle stazioni di ricarica e delle aree di carico/scarico.

Utilizzando sensori e telecamere, gli AMR si localizzano in tempo reale all’interno della mappa, monitorando la propria posizione e orientandosi con precisione.

Pianificazione del percorso e navigazione

Ricevuta una missione, ad esempio il prelievo di un pallet da un punto A e la sua consegna al punto B, l’AMR utilizza algoritmi di pianificazione del percorso per determinare il tragitto più efficiente da seguire.

Considerando fattori come il traffico in magazzino, la distanza più breve e eventuali ostacoli, l’AMR calcola il percorso ottimale per raggiungere la destinazione in modo sicuro e rapido.

Durante la navigazione, i robot autonomi utilizzano i loro sensori per evitare ostacoli statici e dinamici, come persone, carrelli elevatori e altri robot, garantendo una movimentazione fluida e sicura all’interno del magazzino.

Interazione con l’ambiente e prelievo/deposito merci

Gli AMR sono dotati di bracci robotici o pinze personalizzati per il prelievo e il deposito di una varietà di merci, dai pallet alle scatole individuali.

Utilizzando sensori di visione e sistemi di riconoscimento, gli AMR identificano e afferrano con precisione i prodotti da movimentare, sollevandoli con cura e trasportandoli con stabilità.

Arrivati a destinazione, gli AMR depositano accuratamente i prodotti nella posizione indicata, completando la missione in modo efficiente e sicuro.

Comunicazione e collaborazione

Gli AMR sono in grado di comunicare con i sistemi di gestione del magazzino (WMS) e con altri robot, condividendo informazioni sulla propria posizione, lo stato delle missioni e potenziali ostacoli.

Questa comunicazione permette una collaborazione ottimizzata, evitando collisioni, coordinando le missioni e sincronizzandosi con i flussi di lavoro complessi del magazzino.

Inoltre, gli AMR possono ricevere istruzioni in tempo reale da un operatore umano tramite un’interfaccia remota, adattandosi a esigenze impreviste e modificando i piani di lavoro in modo flessibile.

Ricarica e manutenzione

Dotati di batterie ad alta capacità, gli AMR funzionano per diverse ore prima di necessitare di una ricarica.

Automaticamente, gli AMR si dirigono verso stazioni di ricarica dedicate, dove si collegano per ricaricare le batterie in modo efficiente e sicuro.

La manutenzione ordinaria di questi sistemi è minima, richiedendo solo controlli periodici e la sostituzione occasionale di componenti usurati.

Supply chain: dai robot tradizionali a quelli umanoidi di nuova generazione

I vantaggi degli AMR per la logistica di magazzino

  • Aumento della produttività: automatizzando le attività di movimentazione merci, i robot liberano gli operatori per compiti più complessi, aumentando l’efficienza complessiva del magazzino.
  • Riduzione degli errori: la precisione e l’affidabilità degli AMR minimizzano gli errori di prelievo e movimentazione, diminuendo le perdite e i danni alle merci.
  • Maggiore sicurezza: l’eliminazione del fattore umano in attività ripetitive e potenzialmente pericolose riduce il rischio di incidenti e infortuni sul lavoro.
  • Flessibilità e scalabilità: gli AMR si adattano facilmente a flussi di lavoro mutevoli e possono essere implementati gradualmente, integrandosi perfettamente con le infrastrutture esistenti.
  • Costi ottimizzati: l’automazione e l’efficienza apportate dagli AMR si traducono in una riduzione dei costi operativi e in un ritorno sull’investimento significativo.

A questi vantaggi se ne aggiungono altri 3 che rendono gli AMR particolarmente promettenti per il  futuro della logistica di magazzino:

  • Apprendimento continuo: gli AMR sono in grado di apprendere dall’esperienza, ottimizzando i loro percorsi e adattandosi a nuove configurazioni del magazzino.
  • Manutenzione minima: la loro progettazione robusta e i sistemi di diagnostica integrati riducono al minimo la necessità di interventi di manutenzione.
  • Soluzioni personalizzate: i fornitori di AMR offrono soluzioni personalizzate per soddisfare le esigenze specifiche di ogni cliente, tenendo conto del tipo di magazzino, dei prodotti movimentati e dei flussi di lavoro.

AGV: costi, benefici e sfide dell’automazione nel material handling